Dieta e motivazione: pensare da magri fa dimagrire?

Di Calimero73


Dieta e motivazione: pensare da magri

Seguire una dieta dimagrante e/o un allenamento il più delle volte richiede una notevole forza di volontà. Infatti le statistiche parlano chiaro: oltre il 90% delle persone che inizia una dieta tende ad abbondonarla entro il primo mese perché non vede risultati tangibili.

Per questo può essere utile approfondire un argomento molto conosciuto nel coaching: le convinzioni ed il ciclo del successo o ciclo dell’insuccesso.

Una convinzione è una credenza che hai nella mente e che ritieni inconfutabile.

Le convinzioni nascono sin da quando siamo piccoli e vengono consolidate nella nostra mente entro la maggiore età.

Immagina un bambino che viene convinto dai genitori di essere timido. Alle scuole elementari sarà intimidito e parlerà poco con i compagni. Ai colloqui si sentirà ripetere dalla madre ed anche dal maestro che è timido.

Risultato?

A 20 anni e probabilmente per il resto della sua vita rimarrà timido perché ne è convinto sin dall’infanzia.

Questo perché nel periodo di vita dei 5-7 anni prendiamo per vero tutto ciò che sentiamo ed è proprio da qui che vengono elaborate le nostre convinzioni che ci influenzeranno per il resto della vita.

Non esistono convinzioni positive o negative, ma esistono convinzioni potenzianti o limitanti. Infatti ogni giudizio che noi abbiamo sulla realtà in sé è neutro. Quello che conta è: ti aiuta a raggiungere l’obiettivo o ti allontana da esso? Nel primo caso la convinzione è utile al raggiungimento ed è potenziante, nel secondo caso invece è limitante.

Se vuoi eliminare un po’ di pancetta, pensare di avere un metabolismo rapido e sapere che prima o poi ci riuscirai è senza ombra di dubbio una convinzione potenziante. Invece stare a deprimersi e rifugiarsi nel cibo perché ci si considera grassi e basta non porterà di sicuro ad ottenere risultati positivi ed è quindi limitante.

Se ti impegni puoi riuscire a controllare il flusso di pensieri nella tua mente, in fondo sei tu a decidere cosa pensare, e avere delle convinzioni potenzianti è fondamentale.

Le convinzioni ci condizionano letteralmente nella nostra vita di tutti i giorni. In che modo lo fanno? Tramite il ciclo del successo o insuccesso.

Il ciclo del (in)successo funziona in questo modo:

  1. nella tua mente hai una convinzione che si è generata nel tempo grazie ai tuoi valori, alla tue esperienze e a quelle che ti sono state raccontate dagli altri (i mass media concorrono spesso in questo);
  2. si verifica un’esperienza che si può considerare un test che rafforza la tua convinzione o meno;
  3. l’esperienza conferma e radica nella tua mente ancora di più la convinzione di partenza;
  4. ripeti le esperienze successive basandoti su quella convinzione.

Come puoi vedere è una struttura ciclica, si tratta di un circolo che può essere virtuoso o vizioso. Sta a te scegliere la convinzione di partenza.

Questo è un esempio di circolo virtuoso:

  1. ti convinci che non hai un metabolismo lento e che la dieta Dukan può fare al caso tuo;
  2. provi la dieta, ti alleni e vedi che la bilancia inizia a segnare alcuni kg in meno;
  3. questo rafforza la tua esperienza e ti convince che anche tu puoi dimagrire;
  4. ti impegni ancora di più e non molli, ottenendo risultati duraturi nel tempo.

Come fare se non hai convinzioni positive sul successo di una dieta? Molto semplice: fai finta di avere già un fisico magro e per un mese segui la dieta senza badare ai risultati, credendo in te ed avendo la fede di riuscirci.

Cerca di costruire nella tua mente la convinzione che tu ci possa riuscire, per farlo cerca riferimenti in altre persone che ce l’hanno fatta. Queste persone infatti non hanno nulla in più di te e, se ci sono riuscite loro, puoi riuscirci anche tu. Fai un lavoro di ricerca e trova persone che hanno avuto difficoltà palesemente maggiori di te e che alla fine hanno ottenuto ciò che volevano. Un esempio può essere una donna di 50 anni che ha perso 40 kg in poco tempo.

L’importante è che ti fai una promessa: non mollare finché non vedi risultati e non farti paranoie.

L’importante è smettere di procrastinare e AGIRE.

Iniziare ad immaginare già i risultati che otterrai da qui a poco. Con questa visione iniziale avrai più motivazione e rispetterai la dieta.

Per fortuna la dieta Dukan riesce a darti lo sprint iniziale perché i risultati arrivano si apprezzano dai primi giorni. Infatti la fase di attacco permette di perdere rapidamente alcuni chili e rafforzare le convinzioni per avviare correttamente il ciclo del successo.

Per ora è tutto. Nel prossimo articolo affronterò un altro argomento interessante: come dimagrire con la forza delle visualizzazioni.

Lettura consigliata: Dimagrire Pensando.

 


Andrea Lampis

Andrea Lampis

Questo articolo è stato scritto da Andrea Lampis. Andrea si è laureato alla Facoltà di Medicina e Chirurgia. Da circa 10 anni coltiva due grandi passioni: l’alimentazione e il fitness. “Il fitness per me è ottenere una maggiore salute ed una maggiore energia, che di riflesso porta ad ottenere un fisico migliore”. Se vuoi conoscerlo meglio, visita il suo sito web DietaLampo.com.

Articoli correlati:

Tags: , ,




Lascia un commento

Invia il tuo commento